Passa ai contenuti principali

DIA - CATANIA - SEQUESTRO AI NIZZA

PROCURA DISTRETTUALE DELLA REPUBBLICA C A T A N I A CATANIA: La Direzione Investigativa Antimafia sequestra beni per un valore di 4.000.000 euro a esponenti di spicco del clan Santapaola A seguito di proposta avanzata da questa Direzione Distrettuale Antimafia e accolta dal Tribunale di Catania Sezione Misure di Prevenzione, personale della Direzione Investigativa Antimafia di Catania, diretta dal 1° Dir. P.S. dr. Renato Panvino ha eseguito il decreto di sequestro di beni mobili, immobili e aziende, a vario titolo, riconducibili a fratelli NIZZA, Andrea Luca, Salvatore e Daniele, pluripregiudicati. I fratelli NIZZA, annoverano, a vario titolo, numerose condanne in primo e secondo grado per estorsione, associazione per delinquere di stampo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, violazioni alla normativa in materia di armi e omicidio. I predetti appartengono allomonimo gruppo criminale - articolazione della famiglia di cosa nostra catanese SANTAPAOLA ERCOLANO attivo nel quartiere Librino di questa Città. Ampiamente dimostrate dalle numerose operazioni di polizia eseguite erano le cointeressenze di uomini e di mezzi tra il gruppo NIZZA e la famiglia SANTAPAOLA - ERCOLANO. Il gruppo dei NIZZA, dopo una collocazione inizialmente autonoma, è stato saldamente inserito nella più ampia famiglia di Cosa Nostra catanese, operando anche nellinteresse e per raggiungere i fini propri della organizzazione mafiosa. Il gruppo malavitoso dei fratelli NIZZA, capeggiato da Daniele, aveva il monopolio delle piazze di spaccio di sostanze stupefacenti site a Catania nel quartiere Zia Lisa e nel quartiere San Cristoforo, nonché in altre aree della cittadina etnea, così come risulta dalle Operazioni di polizia: CARTHAGO FIORI BIANCHI SPARTIVENTO. Si evidenzia, altresì, che NIZZA Andrea Luca, allinizio del 2017, veniva tratto in arresto dopo una latitanza che durava dal dicembre del 2014 ed a seguito della quale era stato inserito nellelenco dei 100 latitanti più pericolosi del Ministero dellInterno. Si rileva, inoltre che NIZZA ANDREA Luca, Salvatore e Daniele risultano già destinatari di Misure di Prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. Questo Ufficio, al fine di dare riscontro alle dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia tra i quali anche il fratello Nizza Fabrizio, che indicavano la riconducibilità agli stessi di beni immobili e imprese, ha predisposto approfonditi accertamenti reddituali e patrimoniali nei confronti dei soggetti facenti parte del nucleo della famiglia NIZZA. Gli approfonditi e complessi accertamenti patrimoniali e bancari svolti dagli investigatori - compendiati nella proposta di applicazione della misura di prevenzione patrimoniale avanzata dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia - hanno consentito di far emergere come i fratelli NIZZA, unitamente ai propri nuclei familiari, abbiano accumulato un patrimonio, costituito da numerose unità immobiliari, beni mobili registrati e aziende. Le indagini patrimoniali eseguite dalla DIA di Catania hanno permesso di ricostruire levoluzione del patrimonio, anche illecito, dei Nizza per oltre dieci anni ed hanno consentito di accertare una notevole sproporzione tra le fonti dichiarate e i beni direttamente o indirettamente posseduti, beni che evidentemente sono stati acquistati con somme dellassociazione mafiosa e del provento della gestione delle piazze di spaccio. Il provvedimento di sequestro, eseguito oggi dalla D.I.A. di Catania, ha colpito i seguenti beni intestati ai fratelli NIZZA ed ai propri familiari conviventi: 14 appartamenti costituenti diverse palazzine ristrutturate elegantemente ubicate nel quartiere San Cristoforo di Catania, una villa a due elevazioni con piscina, una impresa individuale esercente lattività di commercio di automezzi, numerosi beni mobili registrati oltre a diversi rapporti bancari. Il valore dei beni sequestrati ai fratelli NIZZA è stato complessivamente stimato in euro 4.000.000,00. Catania, 26.07.2017

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/