Passa ai contenuti principali

La D.I.A. sequestra un patrimonio del valore di 3,5 milioni di euro all’imprenditore SMIRIGLIA Antonino, vicino alla consorteria mafiosa denominata “famiglia di Mistretta”.


COMUNICATO STAMPA

MESSINA: La D.I.A. sequestra un patrimonio del valore di 3,5 milioni di euro all’imprenditore SMIRIGLIA Antonino, vicino alla consorteria mafiosa denominata “famiglia di Mistretta”.

Il personale della D.I.A. di Messina, supportati dal Centro Operativo di Catania, a conclusione di una attività investigativa – culminata nella proposta di applicazione di misura di prevenzione personale e patrimoniale a firma del direttore della D.I.A., Nunzio Antonio FERLA, in piena sinergia con la Direzione Distrettuale Antimafia di Messina guidata dal dr. Maurizio De Lucia - sta procedendo al sequestro dell’intero patrimonio nella disponibilità di SMIRIGLIA Antonino, di  Sant’Agata di Militello (ME), noto imprenditore legato alla “famiglia mafiosa di Mistretta”, il cui esponente di vertice era l’ormai deceduto RAMPULLA Sebastiano, “rappresentante di Cosa Nostra” per l’intera provincia di Messina e fratello di Pietro, quest’ultimo condannato all’ergastolo dalla Corte di Assise d’Appello di Caltanissetta poiché ritenuto “l’artificiere” della strage di Capaci..
Lo SMIRIGLIA Antonino, pur essendo destinatario, nel tempo, di svariate investigazioni giudiziarie di competenza di più distretti giudiziari - tra le quali OMEGA, SCIPIONE, DIONISIO, AUTOSTRADA e MONTAGNA - non ha mai subito provvedimenti di condanna per reati associativi o connessi agli ambienti della criminalità organizzata. Ciò nonostante, gli atti d’indagine disvelano la figura del precitato quale imprenditore concretamente legato alla criminalità organizzata attiva prevalentemente nell’area Nebroidea e Barcellonese, ed in particolare alla “famiglia di Mistretta” influente lungo la fascia costiera tirrenica. In forza di tali legami affaristici il proposto avrebbe ottenuto, attraverso le sue imprese, commesse pubbliche i cui introiti, avrebbero, in parte, rimpinguato le tasche di “Cosa Nostra”. E’ stato documentato come il proposto sia stato sempre vicino a contesti criminali associativi partecipando, anche direttamente,  a summit mafiosi, essendo – di fatto – un riferimento importante per diverse consorterie criminali espressioni locali messinesi di Cosa Nostra.
Nell’operazione di polizia “OMEGA”, coordinata dalla D.D.A. di Messina, sono state riscontrate le relazioni del proposto con AQUILIA Mario, indicato nell’indagine quale appartenente alla famiglia mafiosa barcellonese.
Nell’attività investigativa “SCIPIONE”, coordinata dalla D.D.A. di Messina, è stato documentato un incontro di “mafia”, tenutosi nell’autunno del 2003 ad Aidone (EN) - presso il “Casale Belmontino” riferibile a SCINARDO Mario Giuseppe -  al quale avevano partecipato alcuni tra i più importanti esponenti della criminalità organizzata messinese dell’epoca (il noto boss RAMPULLA Sebastiano, il cugino IUDICELLO Pietro, RAMPULLA Vito figlio di Pietro, BISOGNANO Carmelo) e verosimilmente lo stesso proposto e/o stretti familiari.
Il nominativo del proposto figura anche nell’indagine “DIONISIO”, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, nel cui contesto si palesano ulteriori elementi significativi delle cointeressenze imprenditoriali dello SMIRIGLIA e della consorteria criminale mafiosa di “Mistretta”; nello specifico il proposto avrebbe aperto in Castelbuono (PA) un impianto di calcestruzzo “sotto la regia” del noto TESTA CAMILLO Bartolomeo e l’autorizzazione di RAMPULLA Sebastiano.
Nel corso dell’indagine “AUTOSTRADA”, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno, si documentavano i collegamenti tra l’imprenditore IOVINO Antonio, affiliato al clan camorristico “FABBROCINO”, ed i responsabili di alcune imprese Messinesi, tra le quali anche una società direttamente gestita dallo SMIRIGLIA.
Nel corso dell’operazione “MONTAGNA” coordinata dalla D.D.A. di Messina, quale naturale prosieguo dell’indagine “SCIPIONE”, nell’anno 2007, il proposto è stato raggiunto da misura coercitiva, con la contestazione del reato associativo mafioso per aver preso parte all’attività della “Famiglia di Mistretta”, con l’intento specifico di ottenere il monopolio nella realizzazione di grandi opere pubbliche e quindi di partecipare alle più importanti gare d’appalto. Successivamente il precitato è stato completamente prosciolto dai capi d’imputazione ma ulteriori e sopravvenute risultanze investigative - ed in particolare le dichiarazioni di collaboratori di giustizia quali BISOGNANO Carmelo - hanno portare la stessa Procura inquirente ad ipotizzare la possibile revoca della sentenza di “non luogo a procedere” nei confronti dello SMIRIGLIA Antonino in quanto ritenuto contiguo all’associazione mafiosa riconducibile a “Cosa Nostra” ed operante nel territorio della provincia messinese.
Allo stato, SMIRRIGLIA Antonino figura imputato in procedimenti penali, pendenti presso la Procura della Repubblica di Patti, per il reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale in ordine a contesti societari nella sua disponibilità.
L’odierna misura ablativa scaturisce da una complessa attività d’indagine economico patrimoniale condotta da questo Ufficio che ha permesso, con l’avallo del locale Tribunale, di dimostrare l’evidente incapienza dei redditi dichiarati dell’intero nucleo familiare del proposto, dal padre Salvatore e dei fratelli Angelo e Carlo, in raffronto a tutto il patrimonio accumulato nel tempo, nella disponibilità posseduto anche attraverso la costituzione di contesti societari creati ad hoc.
Il sequestro, ancora in fase di esecuzione, ha colpito nr. 6 aziende operanti nel settore della produzione di calcestruzzo, costruzioni di edifici residenziali, civili e industriali, estrazione cave, frantumazione di pietre e materiali vari, nr. 4 fabbricati (di cui una villa), nr. 7 terreni, nr. 2 mezzi e vari rapporti finanziari, per un valore complessivo pari a 3,5 milioni di euro.

Messina, 18 luglio 2017

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/