Passa ai contenuti principali

GIARRUSSO (M5S): LE TRAME CONTRO L'ITALIA E LA LOTTA ALLA MAFIA

COMUNICATO STAMPA


GIARRUSSO (M5S): LE TRAME CONTRO L'ITALIA E LA LOTTA ALLA MAFIA
Roma, 8 luglio 2017: “Autorevoli commentatori hanno scritto che davanti alla Corte EDU (CEDU) i  rappresentanti italiani  hanno colpevolmente lasciato come dato acquisito che il concorso esterno sarebbe stato reato di creazione giurisprudenziale e la CEDU, partendo da questo assunto (plausibile in altri sistemi europei), ne ha tratto la conseguenza che prima della"creazione"non c'era il reato, condannando quindi l'Italia.
In altre e più chiare parole, secondo alcuni commentatori, davanti alla Corte Europea (CEDU) sarebbe stata deliberatamente orchestrata una manovra a danno dell'Italia e a vantaggio di illustri condannati per il reato di Concorso esterno in associazione mafiosa, per mezzo di un "infedele patrocinio" dei nostri rappresentanti.
Secondo alcuni commentatori cioè, chi avrebbe dovuto difendere l'Italia davanti la CEDU, avrebbe riportato una descrizione del nostro sistema penale "falsa ed erronea" al solo fine di consentire la condanna dell'Italia (saremmo in tal caso di fronte ad una ipotesi di “infedele patrocinio”
A questo punto, visto l'enorme danno arrecato al sistema penale ed alla lotta alla mafia da questa errata decisione della CEDU, a cui i giudici di Cassazione si sono supinamente ed acriticamente adeguati, pur essendone evidente  l'erroneità, bisognerà indagare per capire:
a) se corrisponde al vero che la sentenza CEDU che ha sabotato il reato di concorso esterno in associazione mafiosa, sia davvero il frutto di un infedele patrocinio dell'Italia davanti a quella corte:
b) chi si sarebbe reso materialmente responsabile di tale infedele patrocinio;
c) chi ha nominato l'eventuale responsabile di tale infedele patrocinio;
d) se dopo tale eventuale infedele patrocinio, il responsabile sia stato premiato con incarichi di grado più elevato e/o comunque di notevole rilevanza;
e) se nella presunta organizzazione di tale infedele patrocinio sia coinvolto qualche esponente politico direttamente interessato al sabotaggio di una o più sentenze definitive per concorso esterno mafioso;
f) se nella presunta organizzazione di tale infedele patrocinio siano coinvolte logge massoniche e/o affiliati alle stesse;”
A sostenerlo è il Senatore Mario Michele Giarrusso, componente della commissione antimafia che sta presentando interrogazione urgente oltre a richiedere un’ audizione in Commissione Antimafia dei soggetti interessati.

Sen Mario Michele Giarrusso

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/