Passa ai contenuti principali

L’ARRESTO DI MATTEO MESSINA DENARO: CHE RISULTATO STRAORDINARIO!! AVANTI TUTTA CON UNA GESTIONE RIGOROSA E TRASPARENTE.

 L’ARRESTO DI MATTEO MESSINA DENARO: CHE RISULTATO STRAORDINARIO!! AVANTI TUTTA CON UNA GESTIONE RIGOROSA E TRASPARENTE.


di Giuseppe Lumia



Il mito di Matteo Messina Denaro è stato finalmente colpito. È malato ma non anziano, ha solo 60 anni. Ora ne sentiremo di tutti i colori, ma intanto è stato preso. È stato preso in Sicilia, come tutti gli altri più grandi latitanti. Una lezione sulla permanenza dei boss di primo piano nei territori che non va mai dimenticata. 


Che risultato! Un risultato di straordinaria portata! La gestione di questo risultato è altrettanto importante quanto lo è il suo stesso conseguimento. Non dobbiamo trascurare il fatto che, dopo una cattura di questa caratura, bisogna evitare di ripetere gli errori del passato. Anche questa è una lezione da non trascurare.


Il padre di Matteo Messina Denaro era morto senza essere catturato. Lui invece sì. Lui non è stato invincibile! Anche su questo profilo sarà decisivo comprendere quanto ancora era al vertice di cosa nostra e se il suo ruolo si fosse indebolito. Un’altra lezione sul piano dell’analisi che ha la sua importanza.


Naturalmente, non dobbiamo dimenticare le tantissime vittime, le stragi e le sofferenze che Messina Denaro ha causato, per evitare che si faccia l’errore di celebrarlo, come è stato fatto con Riina, con la retorica del “capo dei capi”. 


È pertanto decisivo fare memoria dei troppi anni di latitanza, affinare le analisi sulle strategie collusive che lo hanno visto sicuramente tra i principali protagonisti del rapporto tra cosa nostra, politica ed economia negli scenari locali e internazionali, durante le varie stagioni, comprese quelle stragiste. 


Non dobbiamo inoltre trascurare la mole di materiale accumulato nelle indagini, che adesso andrà analizzato con la massima trasparenza e determinazione, per comprendere anche le più recenti strategie, quelle successive alla morte di Riina e di Provenzano, e le alte protezioni di cui egli ha potuto godere sino al momento della sua cattura in una clinica di Palermo.


Adesso però godiamoci il successo che i carabinieri del ROS, guidati da Angelosanto, e la Procura Antimafia, guidata da De Lucia, hanno portato a compimento, senza abbassare la guardia, senza strumentalizzazioni politiche e senza facili trionfalismi sulla presunta fine della mafia. 


La lotta deve continuare, la strada è ancora irta di ostacoli e di insidie per giungere alla sua sconfitta e alla liberazione della nostra democrazia da questo insopportabile condizionamento.


Per chi volesse approfondire, su Matteo Messina Denaro ho presentato alcune interrogazioni parlamentari che ricostruiscono il reticolo del suo potere collusivo.


https://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=964222


https://parlamento17.openpolis.it/atto/documento/id/74499

Post popolari in questo blog

DIA: CONFISCATO PATRIMONIO PER OLTRE 7 MILIONI DI EURO AD IMPRENDITORE CONTIGUO AL CLAN MAFIOSO DEI “BARCELLONESI”

  DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA COMUNICATO STAMPA DIA: CONFISCATO PATRIMONIO PER OLTRE 7 MILIONI DI EURO  AD IMPRENDITORE CONTIGUO AL CLAN MAFIOSO DEI “ BARCELLONESI” La Direzione Investigativa Antimafia ha eseguito un decreto di confisca, emesso dal Tribunale di Messina, relativo all’ingente patrimonio nella disponibilità di noto imprenditore edile di Barcellona Pozzo di Gotto (ME), risultato contiguo alla famiglia mafiosa “ barcellonese” storicamente egemone nella fascia tirrenica della provincia messinese. Il provvedimento scaturisce da complesse indagini economico-finanziarie condotte dalla DIA in stretto raccordo con la Procura Distrettuale diretta dal d ott. Maurizio De Lucia e confluite nella proposta di applicazione di misura di prevenzione patrimoniale formulata dal Direttore della DIA . Con il procedimento “ Gotha VII ” è stata giudizialmente confermata, tra l’altro, la caratura criminale del proposto, condannato per il reato di estorsione aggravata per aver agevolato l’

LA DIA CONFISCA SOCIETA’ E BENI IMMOBILI PER UN VALORE DI OLTRE 20 MILIONI DI EURO AD IMPRENDITORE REGGINO IN RAPPORTI DI STRETTA VICINANZA CON LA ‘NDRANGHETA.

COMUNICATO STAMPA    LA DIA CONFISCA SOCIETA’ E BENI IMMOBILI PER UN VALORE DI OLTRE 20 MILIONI DI EURO AD IMPRENDITORE REGGINO IN RAPPORTI DI STRETTA VICINANZA CON LA ‘NDRANGHETA. La Direzione Investigativa Antimafia ha eseguito un provvedimento di confisca di beni emesso dal Tribunale di Reggio Calabria nei confronti di FRASCATI Emilio Angelo, 64enne reggino, imprenditore molto noto nel settore della grande distribuzione alimentare e del commercio di autovetture. La confisca consegue al sequestro dei medesimi beni operato nel febbraio 2019 a seguito di una proposta formulata dal Direttore della DIA nel contesto di attività investigativa coordinata dal Procuratore Distrettuale della Repubblica di Reggio Calabria, Dr. Giovanni BOMBARDIERI.  Nell’odierno provvedimento il Tribunale ha riconosciuto nei confronti di FRASCATI una pericolosità sociale fondata principalmente sulle risultanze dell’operazione “Fata Morgana” (poi confluita nella “Ghota” ), nel cui ambito nel 2016 è stato tratt

Gestivano capannone per produzione marijuana, 3 arresti

  Gestivano capannone per produzione marijuana, 3 arresti (ANSA) - MONTEMURLO, 28 GEN - Avrebbe fruttato almeno un milione di euro, secondo i carabinieri, la produzione della marijuana che tre uomini gestivano clandestinamente in un capannone alle porte di Montemurlo (Prato). Ieri, attorno alle 13, i militari hanno arrestato un 45enne, un 48enne ed un 56enne cinesi formalmente disoccupati, domiciliati a Prato e Montemurlo, gia' noti alle forze dell'ordine. Secondo quanto riferito dagli investigatori in una nota il loro era un vero e proprio sito di produzione di 'cannabis indica' costituito da 546 piante in vaso di varie dimensioni, nutrite da impianto d'irrigazione e fertilizzazione ed irradiate da 88 lampade da 600w. Queste erano a loro volta alimentate con allaccio abusivo alla rete elettrica. Il valore dello stupefacente sequestrato e' stimato in 210.000 euro, mentre il danno per la sottrazione d'energia elettrica, della durata di circa un anno, e' s