Passa ai contenuti principali

Confiscati beni per un valore di oltre 215 milioni di euro

Comando Provinciale Reggio Calabria

La Guardia di Finanza - nelle sue componenti specialistiche e investigative del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata, del Nucleo Speciale Polizia Valutaria e del Comando Provinciale Reggio Calabria - dalle prime ore di stamattina ha dato esecuzione in Calabria e in Campania, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica reggina, diretta dal Dott. Giovanni Bombardieri, al provvedimento del Tribunale di Reggio Calabria - Sezione Misure di prevenzione, presieduto dalla Dott.ssa Ornella Pastore, con cui è stata disposta nei confronti del noto imprenditore A. A. (classe 1943) l’applicazione delle seguenti misure di prevenzione, personali e patrimoniali:
  • sorveglianza speciale di P.S., per la durata di tre anni, con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza o di dimora abituale;
  • la confisca del patrimonio allo stesso riconducibile, dato dal compendio aziendale di 2 imprese, dalle quote di 4 società di capitali e di una società di persone, 85 unità immobiliari, 46 rapporti finanziari personali e aziendali nonché di denaro contante per quasi un milione di euro, il tutto per un valore stimato pari a circa 215 milioni di euro.
Tale provvedimento si fonda sulle risultanze acquisite a seguito dell’operazione “BUCEFALO” condotta dai suddetti Reparti della Guardia di finanza, nell’ambito della quale, nel mese di marzo 2015, A. A. era stato raggiunto da un’ordinanza impositiva della custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. di Reggio Calabria.
Proprio in relazione a tali vicende, si stanno celebrando in questi giorni presso il Tribunale di Palmi le fasi finali del processo che vede costui imputato per il reato, tra gli altri, di cui all’art. 416-bis c.p., in quanto ritenuto partecipe alle attività illecite di una cosca di ‘ndrangheta operante sul territorio della provincia di Reggio Calabria. In particolare, come evidenziato nella anzidetta ordinanza, l’A. “non è un imprenditore vittima, non è stato e non è costretto a favorire la cosca. Al contrario, è un soggetto storicamente legato ai componenti di vertice della famiglia Piromalli, da Don P. cl. 21 fino a P. P. cl. 45 (…) ed è, dunque, un soggetto intraneo che si presta da oltre venti anni, volontariamente e consapevolmente, al perseguimento degli scopi imprenditoriali ed economici della predetta cosca, così creando e sviluppando, nel tempo, solide cointeressenze economiche, accompagnate da ingenti investimenti commerciali nel territorio di Gioia Tauro (un esempio per tutti la realizzazione del parco commerciale ANNUNZIATA). Annunziata, in definitiva, è da ritenere partecipe della cosca, rappresentandone (…) il «cuore imprenditoriale»”.
È emersa, quindi, l’esistenza di un indissolubile rapporto di cointeressenza economico-criminale tra A. A. e la cosca P., che sarebbe nato sin dalla Guardia di Finanza Servizio Centrale Investigazione C.O. Nucleo Speciale Polizia Valutaria Comando Provinciale Reggio Calabria prima metà degli anni ’80 e si sarebbe definitivamente sviluppato tra la fine del medesimo decennio e i primi anni ’90, proseguendo ininterrottamente fino all’attualità.
La risalenza nel tempo del rapporto di contiguità con la cosca P. ha trovato riscontro in dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia nonché nella complessa e articolata attività investigativa svolta dagli investigatori della Guardia di finanza, anche mediante intercettazioni telefoniche e ambientali. Sintomatica dello stretto rapporto di contiguità è la conversazione, captata in modalità ambientale, in cui A., dialogando all’interno della propria autovettura con la moglie D. e passando davanti a una proprietà della famiglia P. nei pressi del cimitero di Goia Tauro, raccontava alla propria consorte di quando si era più volte recato a trovare “Peppe il vecchio” quando quest’ultimo - all’epoca latitante (già ricercato nel luglio 1979 e tratto in arresto nel 1984) - si trovava all'interno di una baracca a giocare a carte con altri amici.
A., pertanto, sarebbe stato un punto di riferimento fondamentale per le attività economiche della cosca P., svolgendo anche il ruolo di “garante ambientale” per gli imprenditori interessati a operare presso l’omonimo centro commerciale, che a lui si rivolgevano nella consapevolezza del suo collegamento con la citata cosca.
Il Tribunale reggino ha così potuto supportare, sulla scorta delle risultanze investigative, tanto il profilo della pericolosità sociale “qualificata” (per fatti di mafia) del proposto quanto l’origine illecita dei fondi investiti nella “impresa mafiosa”, sulla scorta della sproporzione tra gli investimenti effettuati nel tempo e le sue potenzialità economiche, essendo stato accertato come l’A. godesse di ingentissime disponibilità finanziarie del tutto non in linea con i redditi dichiarati.
Proprio sotto il profilo della disponibilità di beni, gli inquirenti non solo hanno individuato gli asset patrimoniali di cui A. A. era titolare ma hanno anche raccolto dati oggettivi e concreti per poter ritenere che il proposto, al di là della loro formale intestazione, ne fosse l’effettivo dominus.
Nel dettaglio, in esecuzione del decreto emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria è stato confiscato ad A. A. e al suo nucleo familiare il seguente patrimonio:
  • intero patrimonio aziendale della ditta individuale A. A., con sede legale in Gioia Tauro (RC) e unità locale in Vibo Valentia, S.S. 18 - località Spoletino;
  • intero patrimonio aziendale della A. S.r.l., con sede legale in Gioia Tauro (RC), ivi incluso il noto centro commerciale “A.” di Gioia Tauro (RC);
  • quote societarie della ANNUNZIATA S.r.l., della A. GROUP S.r.l., della S. S.p.A., della G. S. S.r.l., tutte con sede legale in Gioia Tauro (RC), e della C. A. DI A. A. & C S.n.c., con sede legale in San Giuseppe Vesuviano (NA);
  • 85 beni immobili, tra ville, appartamenti, locali commerciali e terreni, siti nelle province di Reggio Calabria, Vibo Valentia e Napoli;
  • 46 rapporti finanziari personali o aziendali;
  • denaro contante, per un importo pari a quasi un milione di euro.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…