Passa ai contenuti principali

DIA - SEQUESTRO A GELA A COMMERCIALISTA

COMUNICATO STAMPA

SEQUESTRO DI BENI E SOCIETÀ  PER UN VALORE DI 4 MILIONI DI EURO AD UN NOTO COMMERCIALISTA DI GELA


La Procura della Repubblica di Gela ha proposto ed ottenuto, dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Caltanissetta, un provvedimento di sequestro di beni nei confronti di CASCINO Salvatore, 47enne di Gela (CL) dottore commercialista e consulente fiscale.
Questi, pur non inserito in alcuna associazione criminale organizzata, risulta gravato da precedenti penali per gravi reati di frode fiscale commessi nel nord Italia nell’ambito della professione di commercialista; in particolare il CASCINO, nel settembre del 2010, veniva tratto in arresto su ordinanza del GIP di Brescia per i reati di associazione a delinquere,  falsità materiale e truffa ai danni dello Stato mediante indebite compensazioni tributarie. Per quei reati ha patteggiato la pena di due anni ed un mese di reclusione. 
Una ulteriore serie di condotte oggetto di altri procedimenti penali per reati di tipo economico-fiscale, nonché l’assidua frequentazione di soggetti tutti gravati da pregiudizi penali della stessa indole, hanno consentito di sostanziare la figura di “soggetto socialmente pericoloso” in capo al CASCINO ed intraprendere le azioni necessarie ad istruire una proposta di applicazione di misura di prevenzione a suo carico, ai sensi dell'art. 4 comma 1 lett. c) d.lgs. 159/2011, quale soggetto che per la condotta ed il tenore di vita debba ritenersi viva abitualmente, anche in parte, con i proventi di attività delittuose.
I complessi accertamenti delegati dalla Procura della Repubblica gelese alla DIA di Caltanissetta, svolti in seno al procedimento di prevenzione in corso e sfociati nell’odierno provvedimento di sequestro preventivo, rappresentano, peraltro, anche la ripresa e la prosecuzione di articolate attività investigative risalenti al 2009 condotte dal Centro Operativo DIA di Caltanissetta e dalla Compagnia dei Carabinieri di Piazza Armerina (EN), che hanno concretamente consentito non soltanto di accertare nei confronti del CASCINO la sproporzione tra il suo elevato tenore di vita unito ad un consistente patrimonio immobiliare posseduto rispetto agli esigui redditi fiscalmente dichiarati, ma di ritenere che gli ingenti compensi introitati dal CASCINO quali frutto delle attività illecite poste in essere siano stati dal medesimo reinvestiti in lucrose attività imprenditoriali  nel settore turistico-alberghiero di lusso.
Il sequestro, il cui valore complessivo supera i 4 milioni euro, ha interessato una lussuosa struttura Agro-venatoria  sita nel Comune di Piazza Armerina, costituita da una riserva di caccia di 30 ettari, da un salone ristorante e da 7 residence costituiti da caseggiati prestigiosamente ristrutturati risalenti al 1800, nonché 74 beni immobili (fabbricati e terreni), quote societarie in due società di Gela, una ditta individuale e numerosi rapporti bancari.
L’odierno provvedimento di sequestro deve essere inquadrato nella concentrica  azione di contrasto da tempo instaurata dalla Procura di Gela nell'ambito della criminalità economica nei confronti del diffuso fenomeno dei crimini in frode al Fisco e nell’efficacia che contro tali pratiche di illecito e fraudolento accumulo di ricchezze sta dimostrando di avere lo strumento della misura di prevenzione patrimoniale, utilizzabile a carico di quei soggetti le cui condotte antisociali consentono di delinearne la pericolosità a prescindere dalle condanne dagli stessi eventualmente riportate in sede di giudicato penale.             
Gela, 23 maggio 2019

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…