Passa ai contenuti principali

Rifiuti RAEE: traffico internazionale di RAEE, sequestrato container nel porto di Genova

I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Genova, in collaborazione con militari del Nucleo Operativo Ecologico di Venezia e dei Comandi Provinciali di Genova e Padova, nonché con personale dell’Agenzia delle Dogane di Genova, da questa mattina stanno eseguendo decreti di sequestro preventivo e probatorio - emessi rispettivamente dal Tribunale e dalla Procura di Genova - di un magazzino in provincia di Padova nonché di circa 1000 pannelli fotovoltaici ed altri rifiuti derivanti da apparecchiature elettriche ed elettroniche e batterie rinvenute nel corso di due ispezioni di container effettuate nel porto di Genova.
L’attività investigativa sviluppata dal Nucleo Operativo Ecologico di Genova, da cui sono stati originati i provvedimenti odierni, si inserisce in una più ampia strategia di monitoraggio e controllo della gestione nonchè delle spedizioni transfrontaliere di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), in particolare di pannelli fotovoltaici, indicata dal Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale di Roma.
Gli accertamenti svolti hanno consentito di deferire in stato di libertà per traffico illecito di rifiuti tre cittadini africani - uno del Marocco e due del Burkina Faso - poichè avevano organizzato almeno due spedizioni per il Burkina Faso ed il Togo di circa 850 pannelli fotovoltaici usati nel primo caso e circa 100 nel secondo, senza rispettare i dettami normativi inerenti le spedizioni transfrontaliere, in particolare omettevano di allegare la documentazione attestante la funzionalità dei pannelli e di imballarli adeguatamente contro i danni durante il trasporto. Tutti i pannelli provenivano da dismissioni di grossi impianti fotovoltaici presenti in diverse regioni italiane. 
Il cittadino marocchino, titolare della società padovana che materialmente ha effettuato la spedizione, ha inoltre indicato nei documenti di trasporto un numero inferiore di pannelli ed ha attestato falsamente che il materiale trasportato era costituito da apparecchiature elettriche ed elettroniche usate e non rifiuti. Tale comportamento induceva in errore il personale dell’Agenzia delle Dogane che validava bollette doganali basate su presupposti errati. Veniva accertato, inoltre, che presso il capannone della società vi era, oltre la presenza di molti altri pannelli fotovoltaici, alcuni dei quali danneggiati, anche l’esistenza di una molteplicità di apparecchiature elettriche ed elettroniche danneggiate/smontate. L’attività svolta nel capannone veniva, dunque, considerata come un’illecita gestione di rifiuti derivante da apparecchiature elettriche ed elettroniche poiché effettuata senza autorizzazione.
Specifiche verifiche ed approfondimenti continueranno nel corso dell’anno. 

Post popolari in questo blog

Alleanze tra cosche per uccidere Lumia

OMICIDIO DI MAFIA A PESARO: NON CADERE MAI NELLA TRAPPOLA CHE LA MAFIA NON SPARA PIÙ O DIMENTICA... di Giuseppe Lumia

A Pesaro si è consumato un gravissimo omicidio di mafia proprio in pieno centro. Ad agire due killer a volto coperto;  ad essere colpito il fratello di un collaboratore di giustizia calabrese. L’agguato è stato realizzato platealmente la notte di Natale.

Il Capo della Procura Nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, ha spiegato bene il carattere mafioso dell’omicidio e il segnale di sfida che con esso viene lanciato allo Stato.

C’è, insomma,  da riflettere per individuare  e superare alcune trappole in cui spesso si cade.


PRIMA TRAPPOLA: LE MAFIE NON SPARANO PIÙ.
Per mesi e mesi si è diffuso uno strano _leitmotiv_ legato all’analisi che le mafie non ricorrono più all’uso della violenza, e in particolare degli omicidi, perché ormai si sono trasformate  in “mafia d’affari”. Una cosa è invece certa: le mafie più si tuffano negli affari  più mantengono sul tavolo del proprio agire il possibile uso della violenza. In sostanza al famoso _kalashnikov_ non si rinuncia mai. L‘Ndrangheta…

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…