Passa ai contenuti principali

Operazione Darknet.drug - Sequestrati stupefacenti e un exchange di bitcoin

Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Telematiche

Il Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza di Roma, con l’operazione denominata Darknet.Drug, ha svolto una sofisticata indagine tecnica nel mondo nel Dark Web, individuando e ponendo in arresto un soggetto di Barletta (BT) che utilizzava la rete per commettere il reato di vendita di sostanze stupefacenti in tutto il mondo.
Nel corso delle perquisizioni sono stati rinvenuti 2,2 Kg. di sostanza stupefacente (cocaina, ketamina, MDMA) pronta per essere commercializzate su Internet, oltre a n. 163 pasticche di ecstasy già pronte e n. 78 francobolli impregnati di LSD. Inoltre, è stato sottoposto a sequestro un locale commerciale, sito in Barletta, in cui veniva esercitata l’attività di exchange di Bitcoin, la moneta virtuale molto diffusa nel mondo dell’illegalità connessa ai traffici illeciti nel Dark Web. Sono stati sottoposti a sequestro anche personal computer, notebook e smartphone utilizzati per la navigazione nel Dark Web.
Nel corso dell’operazione è stato tratto in arresto un altro soggetto per detenzione di armi da sparo.
L’attività di indagine ha preso avvio dall’analisi della offerta in vendita di sostanze stupefacenti su piattaforme Internet (cd. Black Market) del Dark Web, risorsa informatica accessibile solo utilizzando browsers che consentono di navigare in rete in completo anonimato (browser TOR con dominio.onion).
Le risorse del Dark Web non vengono indicizzate dai comuni motori di ricerca e non sono registrate presso i pubblici registri dei domini in quanto finalizzate a garantire l’anonimato degli utenti che vi navigano. Per ottenere questo risultato la connessione viene fatta “rimbalzare” tra più server, ubicati in Stati diversi, chiamati nodi, in modo da rendere pressoché impossibile rintracciare la sua reale origine. Inoltre, i dati scambiati vengono criptati tra un nodo e l’altro.
L’accesso non è libero ma ristretto agli utenti accreditati; i siti sono suddivisi in sezioni classificate in base alla tipologia dei prodotti in compravendita (es. Fraud, Drugs, Weapons, Counterfeit Items, Identity Data, Credit Cards, Knives, Guns and Explosives, Passports, etc.). Le attività investigative esperite sono state finalizzate alla captazione di ogni utile informazione ricavabile dall’analisi degli annunci di vendita presenti sui vari Black Market.
Attraverso mirate analisi tecniche delle poche informazioni presenti nel Dark Web è stato possibile rilevare alcuni indizi che sono stati opportunamente isolati e analizzati.
Tali elementi sono risultati a loro volta associati ad altre informazioni rintracciate nel mondo del Clear Web, ossia all’interno di applicazioni e siti Internet tracciabili. Grazie alla perizia e all’intuito degli investigatori, sono state avviate indagini tecniche sul territorio che hanno permesso di individuare un soggetto che svolgeva la propria attività illegale nella città di Barletta.
Ulteriori riscontri svolti “sul campo” hanno consentito di appurare che uno degli indagati era dedito alla vendita di sostanze stupefacenti sui Black Market del Dark Web. I guadagni così ottenuti fruttavano migliaia di euro mensili.
L’organizzatore del traffico illecito era conosciuto in rete con il “nickname” di goodoo ed era riuscito a guadagnarsi la stima di diversi compratori in tutto il mondo per la qualità della droga posta in vendita on-line.
Le indagini proseguono con l’analisi, secondo le più moderne tecniche della “Digital Forensics”, dei personal computer, notebook e telefoni cellulari sequestrati, nonché accertamenti finanziari. All’operazione del Nucleo Speciale hanno partecipato anche i Finanzieri di Barletta e Andria e le unità cinofile di Bari.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…