Passa ai contenuti principali

Contrabbando di cuccioli, due arresti.

Comando Provinciale di Trieste - Trieste, 04/04/2019 19:00
I Carabinieri della Compagnia di Aurisina, nel corso dei servizi di controllo del territorio svolti a ridosso delle aree confinarie, hanno fermato un furgone con a bordo due cittadini moldavi, di 50 e 33 anni, provenienti dalla Romania.
I militari del Radiomobile hanno proceduto ai controlli di rito sull’identità degli occupanti, risultati essere senza fissa dimora in Italia e gravati da precedenti di polizia. Durante gli accertamenti, i Carabinieri hanno sentito dei flebili guaiti provenire dal cassone del furgone e hanno immediatamente chiesto spiegazioni. I due uomini, cercando di dissimulare un certo imbarazzo, si sono affrettati a chiarire che nel retro del furgone erano presenti i loro cani. La spiegazione non ha per nulla convinto gli uomini dell’Arma, che hanno intimato al guidatore di aprire il portellone del mezzo per procedere a un controllo.
All’interno del cassone, stivati in due trasportini, i militari hanno trovato 8 cuccioli di poche settimane, 6 di razza bulldog francese e 2 di razza shitzu.
I cuccioli, trasportati in precarie condizioni igienico-sanitarie, sono stati visitati dai veterinari dell’A.S.L. di Trieste, che li hanno trovati privi del microchip sottocutaneo, sottopeso e denutriti. Li hanno quindi trattenuti in osservazione per valutare la regolare crescita e l’assenza di malattie.
I due cittadini moldavi sono stati denunciati in stato di libertà per introduzione illecita di animali da compagnia e per maltrattamento di animali. È inoltre stata comminata loro una sanzione amministrativa di 3.300 euro.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…