Passa ai contenuti principali

Esplosi colpi di pistola contro il Comandante della Tenenza

Comando Provinciale di Bari - Bisceglie (BT), 26/04/2019 13:20
Sfiorata tragedia a Bisceglie nel giorno della festa della Liberazione. I militari della Tenenza Carabinieri di Bisceglie, avuta notizia che un soggetto girava armato nel centro cittadino, predisponeva immediatamente un servizio finalizzato al rintreaccio del medesimo. Proprio il comandante della Tenenza, riconosceva nelle fattezze il soggetto ricercato, un 22enne Ucraino di origine, ma italiano per adozione, mentre si trovava nei pressi del mercato ittico. Lo stesso cercava immediatamente di evitare i controlli. Subito l’Ufficiale  tentava di bloccarlo ricorrendolo per le limitrofe vie del centro. Il giovane era a bordo della propria bicicletta elettrica ma, vistosi quasi raggiunto, se ne liberava proseguendo la fuga a piedi. IL Comandante della Tenenza continuava a rincorrerlo quando l’inseguito estraeva una pistola, poi rivelatasi un revolver marca TAURUS Cal 38, arma clandestina poiché con matricola ripunzonata, e, puntandola verso il militare, premeva la leva di sparo. All’inizio la pistola non ha esploso proiettili, ma il ragazzo, determinato nel proprio intento, continuava ad azionare l’arma, fino a quando sono stati esplosi 2 colpi. Fortunatamente l’Ufficiale, accortosi già della pistola, guadagnava un riparo di fortuna e, benché armato, non rispondeva al fuoco, conscio del contesto urbano e quindi ad alto rischio  di incidenti in cui si trovava. I colpi quindi non andavano a segno per la reattività del Tenente nell’uscire dalla traiettoria e nel mettersi al riparo. A quel punto il giovane reo fuggiva facendo perdere le proprie tracce. Al fine di individuare e bloccare il giovane, già chiaramente riconosciuto dai militari operanti, essendo lo stesso già molto noto per pregiudizi di polizia per reati contro la persona ed afferenti sostanze stupefacenti, il Comando Provinciale di Bari, in brevissimo tempo, inviava sul posto 60 Carabinieri di rinforzo.
Venivano pertanto eseguiti posti di controllo e mirate perquisizioni personali e domiciliari nell’arco delle ore immediatamente successive ai fatti. Complessivamente venivano eseguite 23 perquisizioni nei confronti di altrettanti soggetti pregiudicati e possibili fiancheggiatori.
Il giovane, attivamente ricercato anche a Trani, veniva localizzato dai militari del N.O.R.-Sezione Operativa della Compagnia di Trani e dagli stessi Carabinieri della Tenenza di Bisceglie in Via Andria, ove veniva bloccato.
Il ragazzo, che a quel punto non opponeva alcuna resistenza, faceva rinvenire in un  terreno attiguo all’ospedale civile di Bisceglie, avvolta in un panno bianco, la pistola con cui poco prima aveva sparato. 
Alle ore 23.00 , dopo un interrogatorio di garanzia condotto dal Sostituto Procuratore di turno in cui il giovane assistito dal proprio legale si avvaleva della facoltà di non rispondere, veniva sottoposto a fermo di indiziato di delitto emesso dall’Autorità giudiziaria.
Intanto sono proseguite le perquisizioni nel centro di Bisceglie, che hanno consentito di arrestare un 48enne e un 56enne, rispettivamente perché trovati in possesso di 61 gr di Marijuana, 687 gr. Di Hashish e 115 gr di eroina il primo ed una pistola cal 7.65 con caricatore e 6 proietti nonché munizioni di altro calibro il secondo. Anche per loro si aprivano le porte della Casa circondariale di Trani.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…