Passa ai contenuti principali

Furti in esercizi commerciali: arrestata banda di 4 georgiani.



Comando Provinciale di Bari - Castellana Grotte (BA), 15/04/2019 08:40
Continuano i servizi contro i reati predatori in tutta la provincia. Nella rete ancora una volta sono finiti dei cittadini georgiani.
A pochi giorni dall’aver sgominato una serie di furti commessi in Putignano, questa volta si sono spostati colpendo il centro di Castellana Grotte, dove i Carabinieri della locale Stazione, nel corso di un servizio appositamente predisposto, hanno arrestato in flagranza di reato per furto aggravato e ricettazione 4 cittadini di nazionalità georgiana.
La banda già da tempo era stata segnalata aggirarsi con fare sospetto non solo in Castellana Grotte ma anche nei paesi limitrofi, ove si erano verificati vari furti e taccheggi ai danni di piccoli esercizi commerciali, i cui responsabili erano sempre riusciti a dileguarsi prima dell’arrivo delle forze dell’ordine.
I militari, nel corso del servizio, mentre transitavano in via Monopoli notavano uscire dal supermercato un individuo che, dopo aver occultato uno zaino della spesa sotto il giubbino, tentava di raggiungere frettolosamente una autovettura parcheggiata nelle vicinanze con all’interno altri 3 individui. Ritenendo che potesse trattarsi di un furto ai danni del supermercato i militari bloccavano l’uomo prima che potesse allontanarsi definitivamente, accertando che lo zaino conteneva vari generi alimentari per una valore di euro 200,00 circa, trafugati poco prima. Durante le fasi dei controlli l’autovettura con all’interno i complici, una alfa 147 di colore nero, si dava alla fuga tentando di abbandonare il parcheggio, ma veniva bloccata dopo un centinaio di metri da un secondo equipaggio giunto in ausilio.
Perquisiti gli altri tre individui, all’interno dell’autoveicolo venivano rinvenuti prodotti alimentari per un valore totale di circa 2.000,00 Euro. Dai successivi accertamenti è emerso che si trattava di beni rubati poche ore prima ai danni di altri due supermarket della zona. I quattro individui fermati (tre uomini e una donna, di cui due già gravati da precedenti per furto e rapina) venivano tratti in arresto e sottoposti in regime di arresti domiciliari mentre la merce, dopo esser stata riconosciuta, veniva restituita ai proprietari con loro somma soddisfazione.

Post popolari in questo blog

Alleanze tra cosche per uccidere Lumia

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…

DIA GENOVA - PONTE MORANDI - ARRESTI

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA DIA DI GENOVA ESEGUE ORDINANZE DI CUSTODIA CAUTELARE E SEQUESTRI NEI CONFRONTI DEGLI AMMINISTRATORI DI UN'IMPRESA GIÀ IMPEGNATA NELLA RICOSTRUZIONE DEL PONTE MORANDI

La D.I.A. di Genova sta eseguendo, in Liguria e in Campania, due ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Genova, nei confronti dell'amministratore di fatto (ritenuto contiguo ad elementi inseriti in organizzazioni camorriste) della TECNODEM S.r.l. di Napoli - società già impegnata nella demolizione del ponte Morandi” - e di una donna considerata prestanome nell'ambito della medesima compagine societaria.
Sono altresì in corso perquisizioni con esecuzione di sequestri preventivi.
I provvedimenti traggono origine da una articolata indagine, diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova e condotta dalla D.I.A.…