Passa ai contenuti principali

TORNANO A PADOVA GLI STUDENTI ARGENTINI DI SENTINELLE


FOTO - Padova,14 Luglio 2016, incontro della Fondazione Caponnetto con gli studenti argentini


OGGETTO: 3 luglio 2017 – ore 11,00. Visita a Padova degli studenti della scuola
italiana “Cristoforo Colombo” di Buenos Aires.-

Il prossimo 3 luglio alle ore 11,00 faranno tappa a Padova gli studenti delle terze classi Liceo
della Scuola Italiana “Cristoforo Colombo” di Buenos Aires, impegnati in un lungo tour in Italia
dal 29 giugno al 26 luglio;
i ragazzi saranno accompagnati da alcuni insegnanti e dalla preside prof. Lucia Dalla Montà, cittadina onoraria di Padova per aver diffuso la cultura padovana nel mondo.
La Fondazione Antonino Caponnetto prosegue così l'impegno del padre del pool antimafia
incontrando studenti italiani e stranieri, in continuità con l'incontro dello scorso anno, svoltosi con altrettanti allievi argenti nella magnifica cornice dei giardini del Museo Eremitani, per parlare di giustizia, diritti umani e per spiegare il progetto "sentinelle della legalità".
Quest’anno il gruppo, composto complessivamente da settanta persone, incontrerà a Padova anche il
personale della Questura, in particolare i Poliziotti di Quartiere. E’ proprio grazie alla sensibilità e
all’impegno della Polizia di Stato, sempre attenta a instaurare un dialogo costruttivo con le giovani
generazioni, alla fattiva collaborazione con gli Uffici del Comune di Padova e all’Associazione
“Amici della bicicletta” che i ragazzi potranno godere durante la loro permanenza in città di un
breve cycling tour per le strade del centro storico, scortati dalle auto della Polizia.
Ad ogni buon fine, si rappresenta che:
-l’arrivo è previsto in Prato della Valle alle ore 11.00 circa
-fino alle ore 12.30 cycling tour
-ore 12.45 pranzo
-ore 14.30 incontro con gli allievi dell’IIS Valle –indirizzo tecnico turistico- (per l’occasione
faranno da guida ai compagni argentini durante un breve percorso a piedi)
-ore 17.30 partenza per Venezia.
Il successivo 11 luglio a Roma, dove saranno accolti in Senato dal
Presidente Pietro Grasso.
Padova, 29 giugno 2017

Domenico Bilotta
Responsabile Nazionale Progetto Scuola

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/