Passa ai contenuti principali

Droga: esecuzione indagine “Bruttium”. Sette misure cautelari nei confronti di italiani nel catanzarese

Comando Provinciale di Catanzaro - Tiriolo (CZ), 28/09/2019 08:58
Nella giornata odierna i militari delle Stazioni carabinieri di Tiriolo e Gimigliano, supportati nella fase esecutiva dal personale della Compagnia di Catanzaro, del Nucleo cinofili di Vibo Valentia, e delle Stazioni di Taverna e Bologna Indipendenza hanno dato esecuzione a sette misure cautelari emesse dal GIP presso il Tribunale di Catanzaro su richiesta della locale Procura della Repubblica. Si tratta di sei soggetti sottoposti all’obbligo di dimora presso il Comune di residenza ed un soggetto invece sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. L’indagine condotta dai Carabinieri delle due Stazioni, convenzionalmente denominata “Bruttium”, ha avuto origine tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019 quando, nei due centri abitati, i militari avevano fermato e segnalato quali assuntori di sostanze stupefacenti diversi giovani trovati con dosi di marijuana, hashish e cocaina. Peraltro non era passato inosservato il viavai di giovani, tra cui alcuni noti tossicodipendenti, da alcuni esercizi pubblici sia di Tiriolo che di Gimigliano ove lavoravano soggetti con precedenti penali (anche) per reati inerenti gli stupefacenti. Veniva pertanto avviata, anche con l’ausilio di attività tecniche, attività investigativa che permetteva di identificare diversi soggetti che gestivano lo spaccio al minuto di marijuana, hashish e cocaina nei piccoli centri della Pre – Sila gestendola in modo professionale e aiutandosi reciprocamente al fine di poter soddisfare la clientela. Ruolo fondamentale per un 35enne di Amato che essenzialmente fungeva da fornitore per altre due persone rispettivamente sulla piazza di Tiriolo e di Gimigliano. A loro volta questi due avevano i loro pusher di fiducia cui lasciavano parte dell’attività al minuto. Nel corso dei diversi mesi d’indagine diversi sono stati i ritrovamenti di sostanza stupefacente di vario tipo. In tutto oltre 120 i grammi di sostanze stupefacenti recuperati, 2 le autovetture sequestrate perché impiegate per l’attività di spaccio, 1 persona è stata arrestata in flagranza di reato, 4 denunciate ed altrettante le persone segnalate come assuntori alla locale Prefettura. Raccolto e compendiato l’ampio materiale probatorio assunto in una richiesta di misura cautelare, la Procura di Catanzaro, condividendo con l’operato dei militari, provvedeva alla richiesta al GIP che emetteva ai danni degli indagati 6 obblighi di dimora ed un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Pertanto nella mattinata odierna i militari hanno provveduto al rintraccio dei soggetti ed alla notifica della misura cautelare. 1. Destinatari della misura sono D.P. 32enne di Gimigliano, L.I. 37enne di Gimigliano (sottoposto all’obbligo di presentazione alla P.G.), A.T. 25enne di Tiriolo, ma domiciliato a Bologna, A.F. 35enne di Amato ma domiciliato a Sorbo San Basile, M.C. 55enne di Catanzaro, B.L. 51enne di Gimigliano, A.L. 36enne di Tiriolo. Durante le perquisizioni D.P. è stato trovato in possesso di circa 45 grammi di marijuana, bilancino di precisione e materiale per il confezionamento e pertanto tratto in arresto in flagranza di reato. E’ stato condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari. Sostanza stupefacente è stata trovata anche in casa di L.I., M.C. ed A.F., tutti e tre deferiti all’autorità giudiziaria per detenzione ai fini di spaccio.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…