Passa ai contenuti principali

OMICIDIO DI MAFIA A PESARO: NON CADERE MAI NELLA TRAPPOLA CHE LA MAFIA NON SPARA PIÙ O DIMENTICA... di Giuseppe Lumia



A Pesaro si è consumato un gravissimo omicidio di mafia proprio in pieno centro. Ad agire due killer a volto coperto;  ad essere colpito il fratello di un collaboratore di giustizia calabrese. L’agguato è stato realizzato platealmente la notte di Natale.

Il Capo della Procura Nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, ha spiegato bene il carattere mafioso dell’omicidio e il segnale di sfida che con esso viene lanciato allo Stato.

C’è, insomma,  da riflettere per individuare  e superare alcune trappole in cui spesso si cade.


PRIMA TRAPPOLA: LE MAFIE NON SPARANO PIÙ.
Per mesi e mesi si è diffuso uno strano _leitmotiv_ legato all’analisi che le mafie non ricorrono più all’uso della violenza, e in particolare degli omicidi, perché ormai si sono trasformate  in “mafia d’affari”. Una cosa è invece certa: le mafie più si tuffano negli affari  più mantengono sul tavolo del proprio agire il possibile uso della violenza. In sostanza al famoso _kalashnikov_ non si rinuncia mai. L‘Ndrangheta, come le altre mafie,  è  un sistema integrato formato da diversi lati tra di loro complementari: proiezioni negli affari e nella finanza; collusioni politico-istituzionali-burocratici; un certo modo di agire e di pensare sociale e infine, sempre presente,  l’uso della violenza anche militare. Anche quando la mafia si veste di “colletto bianco” non dismette mai il lato violento. A seconda  dei momenti, delle possibilità e delle necessità avanza un lato del sistema, spesso quello economico, ma gli altri lati sono tutti pronti ad essere usati. Vanno pertanto colpiti  tutti i lati del sistema mafia senza limitarsi a descriverne come esclusivo soltanto uno di essi. Viceversa si rischia di farsi trovare impreparati o di fare addirittura il loro gioco, soprattutto quando si passa alle armi. All’ultimo Vertice Nazionale della Fondazione Caponnetto  il Presidente Salvatore Calleri ha messo chiaramente in discussione l’idea che la mafia non spara più.



LA SECONDA TRAPPOLA: POSSIAMO SMETTERE DI PROTEGGERE CHI SI ESPONE PERCHÉ LA MAFIA DIMENTICA.
Un altro luogo comune che va sfatato è che la mafia dimentica. Non è così! Quando è necessario si consumano vendette o si eseguono le  loro condanne a morte anche a distanza di anni e anni. Abbassare la guardia è pertanto un gravissimo errore. Lo Stato ci cade spesso: prima promette sicurezza,  poi pian  piano si rimangia tutto. Questo aspetto vale per i Collaboratori di Giustizia ma anche per i Testimoni di Giustizia e per tutti quegli esponenti della società civile o delle istituzioni  che hanno subito delle vere e proprie condanne a morte per avere combattuto sul serio e concretamente le mafie. Ad esempio Giuseppe Antoci, Paolo Borrometi, Ignazio Cutro’ da mesi e mesi nei rispettivi ruoli ripetono che sperare nella distrazione o dimenticanza  della mafia rende debole lo stesso Stato che deve mantenere gli impegni di sicurezza e protezione assicurati a caldo quando l’esposizione è eclatante.


TERZA TRAPPOLA: LE MAFIE SPARANO SEMMAI SOLO AL SUD
Altro tragico errore è pensare che le mafie usino  violenza solo nelle tradizionali Regioni di provenienza perché  nel Centro Nord fanno solo affari. Non è mai stato così e non sarà mai così. Certo il lato degli affari è quello che viene privilegiato ma dietro la facciata anche gli altri lati sono pronti ad essere  usati, compreso il lato violento. È successo a Natale a Pesaro, così in altri posti lontani dal Sud. Pensate a quello che successe a Duisburg nella notte del Ferragosto del 2007 nel ristorante italiano, _Da Bruno_. Anche allora la lezione non fu capita. Quando in Germania arrivavano i capitali di mafia per riciclare ed investire nella ricostruzione dell’Est non si ebbe il coraggio di denunciare e di prendere le necessarie contromisure, quando si passó  alle armi si gridò allo scandalo solo per qualche giorno. Il “negazionismo” e, sempre più oggi,  il subdolo “minimalismo” fanno male al Paese intero, anche a quei territori  del Centro Nord del Paese dove oramai le mafie sono ben radicate  e pronte ad agire anche con l’uso della violenza mafiosa. Documenti della Commissione Antimafia e processi di un certo spessore come “Infinito” o “Crimine” in Lombardia o “Minotauro” in Piemonte o   Il recentissimo processo “Aemilia”, solo per ricordare i più famosi, devono piuttosto stimolare la scelta di colpire l’intero e integrato sistema mafioso anche al Nord,  senza mai sottovalutare alcun profilo, compreso quello  violento  della presenza mafiosa.

Giuseppe Lumia

Post popolari in questo blog

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.