Passa ai contenuti principali

COMUNICATO OPERAZIONE DIA KERKENT

OPERAZIONE KERKENT
LA DIA ARRESTA OLTRE 30 PERICOLOSI MALVIVENTI
IN CARCERE IL CAPO DELLA FAMIGLIA MAFIOSA DI AGRIGENTO


La DIA ha eseguito, ad Agrigento, a Palermo, a Trapani, a Catania, a Ragusa, a Vibo Valentia e a Parma, unordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di 32 persone ritenute responsabili, tra laltro, di associazione mafiosa, partecipazione e concorso in associazione per delinquere finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti aggravata dal metodo mafioso, detenzione abusiva di armi, sequestro di persona a scopo di estorsione aggravato, danneggiamento mediante incendio.
Alloperazione partecipano anche i Carabinieri del Comando Provinciale di Agrigento che, nellambito del medesimo provvedimento, hanno eseguito ulteriori 2 ordinanze di custodia cautelare, nei confronti di altrettanti soggetti accusati di concorso in sequestro di persona e violenza sessuale, aggravati dal metodo mafioso.
L'operazione Kerkent, avviata nel maggio del 2015 e coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia di Palermo (Procuratore Francesco Lo Voi, Procuratore Aggiunto Paolo Guido e Sostituti Alessia Sinatra, Claudio Camilleri e Pierangelo Padova), ha permesso di disarticolare unassociazione per delinquere con base operativa ad Agrigento e ramificazioni nel palermitano ed in Calabria, capeggiata da MASSIMINO Antonio, considerato reggente della famiglia mafiosa di Agrigento-Villaseta.
Le indagini sono state avvalorate dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia QUARANTA Giuseppe da Favara (AG).
Tra gli arrestati c'è anche PUNTORNO Andrea, referente di una delle principali piazze di smercio della droga nella città di Agrigento. In passato membro di un'organizzazione criminale con base a Torino, destinatario di misure cautelari per reati connessi al commercio illegale di sostanze stupefacenti e già indicato quale capo del tifo organizzato della Juventus, gruppo ultras “Bravi ragazzi, nell'autunno 2018 ha rilasciato unintervista al programma televisivo Report, ammettendo anche l'attività di bagarinaggio.
Più in generale, le attività investigative hanno messo in risalto la figura criminale di MASSIMINO Antonio (arrestato nel 1999 e nel 2005 nellambito delle operazioni Akragas e San Calogero), che, una volta scarcerato, aveva ripreso a svolgere la medesima attività criminale, assurgendo ai vertici della famiglia mafiosa di Agrigento/Villaseta per diretta investitura dal boss agrigentino Cesare Lombardozzi (deceduto).


MASSIMINO, in tale veste, ha più volte partecipato ad incontri riservati con membri di altre famiglie mafiose, perseguendo un accurato controllo del territorio da esercitare illecitamente, non solo attraverso forme di interferenza nello svolgimento delle attività produttive, ma anche autorizzando la commissione di delitti e facendo leva sulla capacità di intimidazione che gli derivava dal ruolo apicale allinterno del sodalizio mafioso. Particolarmente rilevante si è rivelata anche la sua capacità di mediazione per dirimere le controversie tra privati spintasi, in una circostanza, a intervenire per comporre un forte dissidio, nell'ambito del quale una delle parti gli aveva chiesto lautorizzazione a commettere un omicidio per un torto subìto.
Nel corso delle indagini sono stati raccolti anche elementi su tentativi di estorsione patiti da un imprenditore edile agrigentino. Per questi fatti, nel novembre 2016, la Sezione Operativa DIA di Agrigento sottopose a fermo, disposto dalla Procura Distrettuale di Palermo, MASSIMINO Antonio e MILITELLO Liborio. Allo stato, per tale episodio solo questultimo è stato condannato, nel 2018, a 4 anni di reclusione per tentata estorsione, mentre le responsabilità del MASSIMINO sono tuttora al vaglio dell'Autorità giudiziaria.
MASSIMINO Antonio, sin dalla scarcerazione, avvenuta nel gennaio 2015, approfittando del suo carisma, si è premurato di organizzare sia gli aspetti operativi che quelli logistici di unintensa attività di traffico di stupefacenti, attraverso uno strutturato gruppo criminale armato, dedito al narcotraffico, composto, fra gli altri, da MESSINA Valentino, fratello del noto Gerlandino, considerato ex vice capo provinciale di cosa nostra per la provincia di Agrigento.
Il profilo delinquenziale del MASSIMINO emerge evidente anche allinterno del proprio ambito associativo, facendo spregiudicato ricorso a condotte gravemente minacciose ed arrivando perfino a minacciare di morte, con un cacciavite, un suo sodale. Tale cinica tracotanza si è estesa finanche alla prospettata eventualità di uccidere bambini pur di affermare la propria autorevolezza criminale.
Le attività investigative hanno svelato, inoltre, la disponibilità in capo al gruppo, di armi da fuoco detenute all'interno di diverse abitazioni di Agrigento.
Ha avuto pieno riscontro, inoltre, l'iniziale ipotesi investigativa secondo la quale i locali adibiti ad un autolavaggio in uso al suo luogotenente, MESSINA Giuseppe, fossero divenuti base operativa per il gruppo criminale, sede logistica per lo smistamento dello stupefacente, luogo di incontro e di riunioni tra gli appartenenti all'organizzazione, il cui assiduo monitoraggio ha consentito di definirne dinamiche e dimensioni.
Dalle indagini è emerso che l'approvvigionamento di sostanza stupefacente è avvenuto con abitualità e da diversificati canali, quali quello: calabrese, per il tramite di un broker agrigentino; palermitano, espressione della cosca della Noce; di Palma di Montechiaro, ascrivibile ad un gruppo di matrice Stiddara.

In linea generale, si tratta di soggetti in possesso di rilevante know how, da anni nel settore degli stupefacenti e delle estorsioni. Il traffico e lo spaccio hanno, in ogni caso, riguardato diversi tipi di droga: cocaina, marijuana, hashish, ma anche ketamina (stupefacente solitamente impiegato per dopare i cavalli ed invece destinato, in questo caso, al consumo umano).
I Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Agrigento hanno contestualmente arrestato due persone, MICCICHE Gabriele, 28enne, e GANCI Salvatore, 45enne, per sequestro di persona e violenza sessuale, aggravati dal metodo mafioso.
In particolare, le indagini dei carabinieri hanno consentito di raccogliere elementi di prova in ordine ad un sequestro di persona ordinato da MASSIMINO nei confronti di un 38enne agrigentino, responsabile di una truffa ai danni di GANCI, commerciante dauto. La vittima, attirata con linganno presso un magazzino, una volta al cospetto dei sequestratori armati, veniva minacciata di morte e indotta a restituire la vettura acquistata qualche giorno prima, utilizzando un assegno scoperto. Nella circostanza, la convivente 34enne della vittima, intimidita dalle armi tenute in bella mostra, sarebbe stata oggetto, contro la sua volontà, a vari e ripetuti palpeggiamenti nelle parti intime da parte di MASSIMINO Antonio.
La bontà dell'attività investigativa e le tesi avanzate sono state suffragate, oltre che da numerose intercettazioni autoaccusatorie degli indagati, dalle chiamate in correità, ma anche dalle attività delle forze di polizia territoriali, inerenti al sequestro di significative quantità di sostanze stupefacenti, di armi da sparo ed ulteriori fonti di prova.
Le indagini hanno evidenziato un contesto desolante di violenza e forza intimidatrice, nel quale le attività illecite si sono espresse con una forma di rozza pressione militare sul territorio, esercitata da criminali senza scrupoli con arroganza, tracotanza e spregiudicatezza.
Loperazione Kerkent, oltre ad indebolire la struttura di cosa nostra agrigentina, recide i canali di finanziamento derivanti dal traffico di droga e sottrae dal territorio pericolosi criminali.
Le investigazioni si sono avvalse, altresì, di Europol, per stabilire possibili proiezioni allestero dei traffici illeciti degli arrestati.

Palermo, 4 marzo 2019

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…