Passa ai contenuti principali

Ambiente: sequestrate 1200 tonnellate di detriti contenenti amianto

Comando Provinciale di - Alessandria, 11/03/2019 14:32
I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Alessandria, nel contesto dei controlli rivolti alle aziende della filiera di gestione dei rifiuti, hanno posto nei propri obiettivi un’azienda del Tortonese che si occupa del recupero dei detriti derivanti dalla demolizione edile, trasformandoli in materiali inerti utili al reimpiego nell’attività di costruzione. Il settore delle costruzioni edili “dal nuovo” sta vivendo una congiuntura di evidente crisi ed è pertanto difficoltoso proporre sul mercato i sottoprodotti che provengono dalla lavorazione di tale tipologia di rifiuti. Grandissimi stock di questi rimangono sovente “a magazzino” e stazionano presso tali siti per lunghissimi periodi. L’elevato volume di rifiuti presenti sull’area dell’azienda sottoposta a verifica ha reso necessario avvalersi di strumentazioni ad elevata tecnologia al fine di riuscire a quantificarli con precisione. Personale specializzato della Provincia di Alessandria ha pertanto fornito il proprio supporto con un velivolo a pilotaggio remoto, che grazie ai suoi strumenti ottici ha permesso di avere contezza dei punti di maggiore interesse da valutare a terra. La situazione che si è presentata agli organi di controllo ha rivelato la presenza di oltre 1.000 tonnellate di rifiuti, stoccati in diversi cumuli a brevissima distanza da campi coltivati a cereali. Dalle verifiche tecniche immediatamente svolte, è tuttavia emerso che i vasti cumuli di rifiuti visibili anche dalla pubblica via non erano solo un problema di deturpazione del paesaggio: i campionamenti eseguiti hanno rivelato la presenza di amianto di tipo “crisotilo” sia nei rifiuti da trattare che in quelli in lavorazione, per un quantitativo di circa 1.200 tonnellate. I Carabinieri del NOE hanno pertanto messo i sigilli all’area di circa 3000 metri quadri contenente i cumuli di rifiuti contaminati, sequestrandola e ponendola a disposizione della Procura della Repubblica di Alessandria, mentre nei prossimi giorni verranno svolte tutte le ulteriori verifiche del caso. Il rappresentante legale del sito dovrà rispondere all’Autorità Giudiziaria dei reati di gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi e violazione delle prescrizioni contenute nelle autorizzazioni all’esercizio dell’attività.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…