Passa ai contenuti principali

Sequestrati oltre 20 mila capi d’abbigliamento in falso lino

Torino, 4 marzo 2019 Sequestrati oltre 20 mila capi d’abbigliamento in falso lino Comando Provinciale Torino Oltre 20.000 capi d’abbigliamento falsamente etichettati come filati di pregio e più di 125.000 etichette ed imballi mendaci pronti per un’ulteriore ed importante illecita produzione. Circa 170.000 euro in contanti nascosti all’interno di alcune fodere dei cappotti stoccati in un magazzino di proprietà di uno degli imprenditori convolti la cui provenienza è al vaglio degli inquirenti. Questi i risultati dei sequestri eseguiti dalla Guardia di Finanza di Torino, nei giorni scorsi. “Puro Lino” questa è l’etichetta riportata sugli abiti da donna pronti per essere immessi in commercio ma il tessuto era composto, in buona percentuale, da filato acrilico e poliammide. I “Baschi Verdi” del Gruppo Pronto Impiego Torino, insospettiti dai prezzi troppo convenienti di alcuni capi di abbigliamento di pregio in vendita in un negozio del capoluogo piemontese, hanno iniziato gli accertamenti, supportati dalle analisi scientifiche effettuate dal Laboratorio Chimico “B.L.”. Gli esiti hanno confermato i sospetti dei Finanzieri svelando la reale composizione dei tessuti spacciati per “Puro Lino” con tanto di etichetta e claims tipici della sartoria toscana con richiami al Fiume Arno, simbolo geografico della regione. Le successive indagini hanno portato all’individuazione degli importatori della merce fasulla con depositi in Prato, punto nevralgico e sede di grandi aziende importatrici gestite da imprenditori cinesi. Tra il materiale sequestrato anche 7 apparecchiature industriali destinate all’illecito confezionamento dei capi d’abbigliamento, 2 macchinette conta soldi professionali, un milione di metri di filato per la rifinitura sui vestiti con indicazioni merceologiche mendaci. Tre gli imprenditori di origine cinese denunciati alla Procura della Repubblica per frode in commercio, per reati contro l’industria ed il commercio, nonché contraffazione marchi e ricettazione. Duplice la finalità dell’operazione della Guardia di Finanza di Torino che, oltre ad arginare un fenomeno distorsivo del mercato, vedrà la merce sequestrata devoluta ad enti caritatevoli per la successiva consegna a persona bisognose.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…