Passa ai contenuti principali

Indagine lampo dei Carabinieri, arrestato un usuraio


Comando Provinciale di Campobasso - Termoli (CB), 11/02/2019 19:43 Termoli.
I Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Termoli (CB), hanno tratto in arresto, cogliendolo nella flagranza del reato, un 29enne pugliese, ritenuto responsabile di estorsione ed usura in danno di un giovane termolese. Era la fine del mese di gennaio, quando un 40enne operaio termolese, decideva di chiedere aiuto alle forze dell'ordine e nella fattispecie si rivolgeva al Comando dei Carabinieri di Via Brasile. Dopo un preliminare racconto, attesa la delicatezza e la gravità di quanto lamentato, il giovane veniva ascoltato dagli uomini della Sezione Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile. Nella denuncia l'uomo, vinta un'iniziale ritrosia, racconta di essere coniugato, di essere dipendente di una ditta locale e di aver contratto un consistente debito a causa della sua propensione al gioco. Nella fattispecie il giovane riferiva ai Carabinieri di aver accumulato un debito di circa 4.000,00 euro a causa della sua “patologia” per le sale slot e del quale non aveva mai fatto cenno alla consorte, onde evitare di turbare l'armonia domestica. Nel decorso mese di novembre, vistosi “alle strette”, decideva di chiedere un prestito ad un giovane, da lui già conosciuto, che glielo concedeva pretendendone la restituzione nell'arco di tre mesi con un sovraccarico di circa mille euro. Trascorso qualche tempo, il creditore si faceva insistente nella richiesta di restituzione del danaro, sicuro dell'impossibilità della vittima, invitandolo quasi da subito ad attivare una finanziaria, operazione non risultata possibile per mancanza di garanzie da offrire. Dalle parole ai fatti. Poco prima di Natale, infatti, giungono le prime minacce, inizialmente telefoniche e successivamente de visu nel corso degli incontri pretesi dal creditore. Le affermazioni minatorie prima interessano l'incolumità fisica della vittima, allargandosi poi alla sfera familiare, condite di quel clima intimidatorio che l'area di provenienza e la cerchia di conoscenti può infondere. In alcuni messaggi SMS inviati alla vittima, l'autore delle minacce fa esplicito riferimento all'abitazione di residenza ed al veicolo in uso, nel chiaro intento di costringerlo a restituire la somma di denaro che nel volgere di poco tempo aveva raggiunto la cifra di euro 14.000,00. Il giovane, preso dal timore di ritorsioni in danno della moglie, decide di sottoscrivere alcuni assegni bancari per l'importo preteso dal creditore, ma le minacce e gli incontri si susseguono con frequenza sempre più serrata, durante i quali viene anche invitato a non pensare di sporgere denuncia ai Carabinieri. Nei primissimi giorni del mese di febbraio viene fissato un ultimatum, per la consegna della somma richiesta, senza ulteriore indugio, pena conseguenze gravi per sé e per la moglie. I Carabinieri della Sezione Operativa, nel volgere di pochissimi giorni individuano l'autore e pongono in atto una serrata attività di indagine volta a ricostruire l'intera vicenda, corroborando le risultanze investigative con attività tecniche. Era giovedì mattina, quando la vittima doveva presentarsi all'appuntamento fissato in Termoli, ove l'estorsore si presenta puntuale, ignaro però che a quell'incontro si sarebbero recati, di lì a poco, anche i Carabinieri che riescono a monitorarlo. Proprio nel momento in cui l'uomo stava per allontanarsi, scatta il blitz degli uomini in borghese che bloccano il malvivente e lo conducono in caserma. L'attività perquisitiva da sostegno alle ipotesi indiziarie, infatti il giovane viene trovato in possesso degli effetti precedentemente ricevuti a titolo di garanzia, del denaro contante pocanzi ricevuto dalla vittima e del telefono cellulare con il quale intratteneva i contatti. Per il giovane si sono aperte le porte del Carcere di Larino, ove veniva tradotto a disposizione dell'Autorità Giudiziaria procedente, che nella mattinata di oggi ha convalidato l'arresto, applicando poi la misura cautelare degli arresti domiciliari. Il Comando Compagnia di Termoli continua ad invitare i cittadini a vincere il loro timore e sporgere denuncia, poiché solo in quel modo si riesce ad arginare fenomeni delinquenziali che potrebbero espandersi a macchia d'olio se non vi si pone freno in tempo.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…