Passa ai contenuti principali

LA DIA DI REGGIO CALABRIA SEQUESTRA UN INGENTE PATRIMONIO AD UN IMPRENDITORE REGGINO IN RAPPORTI DI STRETTA VICINANZA CON LA NDRANGHETA



La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria ha eseguito un provvedimento di sequestro di beni emesso dal Tribunale  Sezione Misure di Prevenzione, su proposta del Direttore della DIA e sotto il coordinamento della locale Procura della Repubblica  DDA, nei confronti di FRASCATI Angelo Emilio, 62enne reggino, imprenditore molto noto nel settore della grande distribuzione alimentare e del commercio di autovetture.
Nel provvedimento odierno, la Sezione Misure di Prevenzione ha riconosciuto la sua pericolosità sociale per la stretta vicinanza con la ndrangheta, tratta principalmente dalle risultanze del procedimento denominato Fata Morgana (poi confluito nel procedimento Ghota), nellambito del quale è stato arrestato nel 2016. In quel contesto investigativo gli è stato contestato:
di avere fatto parte della cosca Libri, ponendosi, allesito della guerra di mafia, quale espressione della ndrangheta nel settore della grande distribuzione alimentare e, più in generale, dellimprenditoria;
di aver turbato il regolare svolgimento delle pubbliche gare nellaffare che consentiva ad un altro imprenditore (CHIRICO Giuseppe) di inserirsi nel consorzio dei commercianti del centro commerciale La Perla dello Stretto” di Villa San Giovanni (RC).
Per tale vicenda, il FRASCATI è stato condannato, con sentenza di primo grado emessa nel marzo scorso dal GUP di Reggio Calabria, a 13 anni e 4 mesi di reclusione per associazione mafiosa e turbata libertà degli incanti, aggravata dal metodo mafioso.
A conferma di ciò, numerosi collaboratori (Fiume Antonino, Villani Consolato, Moio Roberto, Gennaro Mario, Siclari Santo, Ficara Candeloro Claudio e Virgiglio Cosimo) lo hanno indicato quale imprenditore espressione della ‘ndrangheta reggina, nella sua componente più alta e rappresentativa, costituita dalla famiglia DE STEFANO.
Il suo strettissimo rapporto con esponenti di primo piano di quella cosca emerge chiaramente anche dallindagine svolta nellambito del procedimento RECHERCHE, mentre la vicinanza con esponenti apicali del sodalizio LIBRI anche da quella denominata ROCCAFORTE.
Lodierna attività, grazie ad accurate investigazioni patrimoniali svolte dalla DIA sullintero patrimonio dellimprenditore, ha, altresì, consentito di acclarare una netta sproporzione tra i redditi dichiarati e gli investimenti effettuati, idonei a dimostrare, secondo i giudici della Sezione Misure di Prevenzione, che gli stessi siano da “ritenersi geneticamente viziati e non considerabili”.
Inoltre, lo stesso Tribunale ha rilevato come nel corso del procedimento Fata Morgana sia emersa inequivocabilmente la tendenza, da parte del FRASCATI, ad intestare a persone a lui vicine le numerose imprese e società di fatto a lui riconducibili....

Lingente patrimonio sottoposto a sequestro, il cui valore complessivo supera i 20 milioni di euro, consiste in:
11 aziende, di cui 10 società di capitali ed una società in accomandita semplice, 4 per lintero capitale sociale e patrimonio aziendale (Parma Reggio Distribuzione srl, P.R.D. srl, Demi Auto 2 srl e Demi Auto Services srl) e le altre 7 solo per le quote riconducibili al FRASCATI. Tutte le società hanno sede a Reggio Calabria tranne una che ha la sede legale a Rende (CS).
Le aziende sono attive nei settori della grande distribuzione alimentare (Parma Reggio Distribuzione srl, P.R.D. srl, G.S srl, Efferre Distribuzione srl), del commercio automezzi (Demi Auto Srl, Demi Auto 2 Srl, Demi Auto Services Srl), delle costruzioni (C & C Costruzioni srl, Costruzioni Generali di Giuseppe Giacomo CALABRO& C. Sas), immobiliare (REGHION Immobiliare srl) e sale da gioco (Reggio Games srl).
20 immobili, per lintera proprietà o in quota, facenti parte del patrimonio personale di FRASCATI Emilio Angelo e dei suoi familiari;
disponibilità finanziarie in fase di quantificazione.

Reggio Calabria, 19 febbraio 2019

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.