Passa ai contenuti principali

LA DIA DI PALERMO CONFISCA BENI PER CIRCA 8 MILIONI DI EURO AD UN IMPRENDITORE ED UN AFFILIATO A COSA NOSTRA



La DIA di Palermo ha dato esecuzione ad un decreto di confisca, emesso dal Tribunale di Palermo – I Sezione Penale e Misure di Prevenzione (presieduta dal dr. Raffaele Malizia e composta dai giudici Simona Di Maida ed Ettorina Contino), nei confronti di Salvatore MILANO e Filippo GIARDINA, entrambi 66enni.
Il provvedimento scaturisce da due distinte proposte del Procuratore della Repubblica di Palermo (depositate nel 2013 e nel 2014) che avevano già portato al sequestro dei loro beni, costituiti da partecipazioni sociali, compendi aziendali, beni immobili e mobili registrati, rapporti bancari.
Le indagini della DIA (coordinate dal Procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dal Sostituto Dario Scaletta) hanno preso lavvio, nel 2007, a fronte di un appunto, rinvenuto nel covo ove furono catturati i latitanti Salvatore e Sandro LO PICCOLO, in cui si faceva riferimento alla catena di negozi Bagagli.
Lo stesso riscontro, emerse in un altro contesto investigativo, nel corso di unintercettazione, in cui gli interlocutori discutevano di interessi del MILANO nella stessa catena di negozi.
Gli accertamenti eseguiti, confortati dalle convergenti dichiarazioni rese, tra gli altri, da importanti collaboratori di giustizia (Manuel PASTA, Marcello TRAPANI, Andrea BONACCORSO, Antonino NUCCIO, Fabio MANNO) hanno consentito di ricostruire la biografia criminale e la parabola economica sia di MILANO che di GIARDINA, facendo emergere una rilevante sperequazione fra i redditi dichiarati da loro e dai rispettivi familiari, in relazione agli acquisti ed agli investimenti effettuati, peraltro ritenuti viziati dallimpiego di capitali di provenienza illecita.
Infatti, le indagini economico-patrimoniali e lanalisi dei flussi finanziari esaminati dalla DIA hanno evidenziato passaggi di denaro di provenienza sospetta, ingenti entità di versamenti in contanti, dubbie vincite al lotto, ritenute dal Tribunale simulate attraverso un collaudato sistema di cessione di titoli vincenti. I giudici, concordando con le risultanze emerse, hanno inoltre rilevato non solo una sostanziale coincidenza temporale tra lepoca dellintestazione fittizia di quote delle società ad esponenti familiari di Filippo GIARDINA e lespansione delle attività compiute sotto linsegna “Bagagli”, ma anche limpossibilità di risalire allorigine della provvista per alcune operazioni commerciali, la presenza nei loro conti di importi incompatibili con i redditi dichiarati, linsufficienza di risorse lecite necessarie a fare fronte agli investimenti connessi alla partecipazione nelle società, rilevando, in tutto questo, elementi sintomatici della provenienza illecita dei capitali investiti nelle società confiscate.
Gli elementi raccolti hanno portato allemissione del provvedimento di confisca, che ha colpito i seguenti beni riferibili a Filippo GIARDINA o a membri del suo nucleo familiare, ovvero riconducibili a Salvatore MILANO, tra cui lintero capitale sociale e relativo compendio aziendale di 3 società di capitali (attive nel commercio di pelletterie), i beni aziendali di unimpresa individuale, 7 appartamenti, unautorimessa, 14 terreni, quote di immobili, 4 automobili, 2 moto ed uno yacht, conti correnti, titoli, depositi bancari e varie disponibilità finanziarie.
In particolare, sono stati confiscati a Palermo i punti vendita della catena dei negozi di moda “Bagagli” di via Libertà (Bagagli s.r.l.), di via Messina (Bagagli 1987 s.r.l.) e di via XX settembre (Bagagli s.a.s.), nonché una tabaccheria di via Messina Marine.
Il valore complessivo del patrimonio confiscato è stimato in circa 8 milioni di euro.
Con lo stesso provvedimento, il Tribunale ha disposto il dissequestro di altri beni (appartamenti, magazzini, terreni e disponibilità finanziarie) in favore di prossimi congiunti e parenti di Filippo GIARDINA e Salvatore MILANO.
Con lodierno decreto di confisca la Sezione M.P. del Tribunale ha, altresì, disposto la Sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno in città, per quattro anni, nei confronti Salvatore MILANO e, per tre anni, nei riguardi di Filippo GIARDINA.
Per ciò che attiene al profilo criminale di Salvatore MILANO, è opportuno evidenziare che nei suoi confronti emergono importanti dichiarazioni accusatorie rese nel corso del c.d. maxiprocesso (nellambito del quale è stato condannato, unitamente al fratello Nunzio, per associazione mafiosa dalla Corte dAssise dAppello di Palermo) da Tommaso BUSCETTA e da Salvatore CONTORNO, che lo indicano quale socio occulto delle società del marchio “Bagagli. Inoltre, risulta essere stato arrestato nel 2008 e condannato in via definitiva dalla Corte dAppello di Palermo per associazione mafiosa nellambito delloperazione Perseo, che aveva portato alla luce il primo tentativo di ricostituire la Commissione provinciale di Palermo di cosa nostra.
Inoltre, Salvatore MILANO è ritenuto uomo donore della famiglia mafiosa di Palermo Centro e gestore della cassa delle famiglie del mandamento di Porta Nuova, per conto di cui provvedeva, con fondi illeciti, al sostentamento degli esponenti mafiosi detenuti o da poco scarcerati. La sorella Angela, 63enne, era coniugata con Giuseppe GRECO, deceduto, figlio di Michele il papa, nonché è madre di Leandro GRECO, 29enne, detto Michele, sottoposto a fermo, nel gennaio di questanno, nel seguito delloperazione “Cupola 2.0”.
Salvatore Milano risulta, altresì, aver intrattenuto rapporti con dirigenti, allenatore e giocatori del “Palermo calcio” i quali, in particolare, avrebbero offerto gratuitamente la loro immagine a Bagagli per fini pubblicitari. Nello specifico, la Bagagli S.a.s. stipulava con la U.S. Palermo S.p.A. un contratto per la sponsorizzazione pubblicitaria allinterno dello stadio Renzo Barbera di Palermo dal campionato nazionale di calcio 2002-2003, senza soluzione di continuità, fino al campionato 2005-2006.
Filippo GIARDINA è ritenuto, invece, vicino ad alcuni affiliati allassociazione mafiosa, particolarmente a MILANO di cui è cugino acquisito (MILANO è coniugato con una cugina del GIARDINA).
Formale intestatario delle attività economiche svolte sotto linsegna Bagagli, è ritenuto legato a Giovanni NICCHI (detenuto), elemento di spicco della famiglia di Pagliarelli, la cui sorella lavorava presso uno dei suoi negozi.
Singolare è lepisodio riferito dal collaboratore Manuel PASTA, il quale spiega la vicenda della colla apposta sulle serrature di alcuni punti vendita Bagagli, in ragione di un pagamento di tremila euro in favore dellorganizzazione mafiosa (a Pasqua ed a Natale), divenuto poi irregolare. A seguito di una riunione tenutasi a Borgo Vecchio, Giovanni NICCHI, vista la riconducibilità della catena a MILANO, dapprima disse di considerare i pagamenti non come unestorsione, bensì come un doveroso contributo di solidarietà nei confronti delle famiglie dei detenuti, promettendo di occuparsi lui personalmente di garantire il rispetto degli impegni assunti e di far avere i pagamenti alla famiglia di Resuttana; di fatto però i versamenti non vennero più corrisposti.
Filippo GIARDINA e la sua compagna Anna FALLUCCA, unitamente ad altre due persone responsabili del personale delle società Bagagli, nel 2015, sono stati indagati dalla Procura della Repubblica di Palermo con laccusa di estorsione continuata in concorso. Secondo le accuse, i quattro, mediante minacce di mancata assunzione ovvero licenziamento, avrebbero costretto ventisei lavoratori dipendenti ad accettare emolumenti inferiori (da 200 a 300 euro mensili) rispetto a quanto indicato in busta paga; a svolgere attività lavorativa per un monte ore tipico dellinquadramento di lavoro full time, pur ricevendo uno stipendio corrispondente ad attività lavorativa part time; a non ricevere la quattordicesima mensilità, pur sottoscrivendo la relativa busta paga; ad usufruire annualmente di sole tre settimane di ferie in luogo dei complessivi ventisei giorni contrattualmente previsti; ad usufruire solo di mezza giornata libera al mese e non già ogni settimana, così come previsto dallinquadramento contrattuale. Lo stesso trattamento sarebbe stato riservato ai dipendenti del negozio Bagagli con sede in corso Italia a Catania.
A conclusione di indagini svolte dal Centro Operativo della DIA di Palermo, i quattro venivano rinviati a giudizio. Il procedimento, per Filippo GIARDINA e la sua compagna, è tuttora pendente in primo grado presso il Tribunale di Palermo. 

Palermo, 15 febbraio 2019.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…