Passa ai contenuti principali

INTERROGAZIONE SEN. GIARRUSSO SU CLAN TERRACCIANO - RITARDI PROCESSO



Legislatura 18 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-00504

 
 Copia questo link
Atto n. 3-00504

Pubblicato il 17 gennaio 2019, nella seduta n. 80

GIARRUSSO - Al Ministro della giustizia. -
Premesso che:
secondo quanto appreso dal servizio andato in onda sulla Rai nel corso del TGR Toscana, edizione dell'11 gennaio 2019, titolato "Aperto e rinviato ad aprile il maxi processo al clan Terracciano", il processo sarebbe stato rinviato all'11 aprile 2019 per via di "errori di notifiche", anche agli imputati;
nel medesimo servizio Rai viene evidenziato che il processo arriva a dibattimento dopo ben 10 anni dalla fine delle indagini e che il notevole ritardo sarebbe dipeso da una fase preliminare lunghissima, a causa di una serie di circostanze concatenate, dovute al fatto che si sono riuniti più procedimenti, in quanto le indagini riguardavano Pistoia, Lucca, Firenze e Prato. Inoltre ci sarebbe stata un'udienza preliminare particolarmente lunga, anche perché sono stati trascritti "fiumi di intercettazioni";
da quanto emerge dal servizio Rai sembrerebbe che le inchieste siano state portate avanti da più Procure toscane, mentre, tenuto conto che le indagini hanno riguardato esponenti del clan camorristico Terracciano, le attività investigative avrebbero dovuto essere coordinate e dirette dalla Direzione distrettuale antimafia di Firenze;
considerato che, a parere dell'interrogante:
è impensabile e inammissibile che siano necessari 10 anni per iniziare un processo di primo grado che come detto, coinvolge un clan della camorra, e che lo stesso non riesca neanche a partire per errori e trascuratezza;
l'ingente ritardo dell'iterdibattimentale rischia di vanificare sia l'esito del processo, sia l'impegno posto in essere dalle forze di Polizia, che hanno operato, con un consistente spreco di denaro pubblico,
si chiede di sapere:
se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza della vicenda descritta;
se non ritenga opportuno avvalersi dei propri poteri ispettivi al fine di accertare la responsabilità dei suddetti ritardi.

Post popolari in questo blog

Alleanze tra cosche per uccidere Lumia

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…

DIA GENOVA - PONTE MORANDI - ARRESTI

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA DIA DI GENOVA ESEGUE ORDINANZE DI CUSTODIA CAUTELARE E SEQUESTRI NEI CONFRONTI DEGLI AMMINISTRATORI DI UN'IMPRESA GIÀ IMPEGNATA NELLA RICOSTRUZIONE DEL PONTE MORANDI

La D.I.A. di Genova sta eseguendo, in Liguria e in Campania, due ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Genova, nei confronti dell'amministratore di fatto (ritenuto contiguo ad elementi inseriti in organizzazioni camorriste) della TECNODEM S.r.l. di Napoli - società già impegnata nella demolizione del ponte Morandi” - e di una donna considerata prestanome nell'ambito della medesima compagine societaria.
Sono altresì in corso perquisizioni con esecuzione di sequestri preventivi.
I provvedimenti traggono origine da una articolata indagine, diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova e condotta dalla D.I.A.…