Passa ai contenuti principali

OPERAZIONE CONTRO NARCOS NIGERIANI

Comando Provinciale di Sondrio - Sondrio, 21/02/2019 12:10
Comando Provinciale Carabinieri di Sondrio finalizzata all’esecuzione di 25 misure cautelari,
emesse dal G.I.P. del Tribunale di Sondrio dietro richiesta della locale Procura, nei confronti di
altrettanti soggetti, quasi tutti di origine nigeriana e richiedenti asilo, nelle province di Sondrio,
Bergamo, Como, Monza e Brianza, Alessandria, Parma e Roma.
In particolare:
˗ 14 soggetti sono destinatari di un’O.C.C.C.
˗ 5 soggetti sono destinatari di un’ordinanza di applicazione degli arresti domiciliari
˗ 6 soggetti sono destinatari di un’ordinanza di applicazione del divieto di dimora nel
comune di Morbegno (SO)
L’attività investigativa è nata nel maggio 2018 per contrastare lo spaccio in un parco pubblico di
Morbegno, situato a poca distanza dalla locale stazione ferroviaria, abitualmente frequentato da
ragazzini e famiglie. Lo spaccio avveniva di giorno ad opera di nigeriani richiedenti asilo
alloggiati presso una struttura di accoglienza situata nei pressi.
Considerata la difficoltà dovuta agli spazi aperti ed al fatto che lo spaccio avveniva solo in arco
orario diurno, oltre a normali servizi di o.c.p., sono state utilizzate le immagini estrapolate
dall’impianto di video sorveglianza del Comune. Inoltre, tanta la fiducia e la stima della
popolazione nei confronti dell’Arma, che alcuni abitanti della zona hanno messo a disposizione
le proprie abitazioni per effettuare servizi di osservazione.
Dopo i primi riscontri, è stata richiesta al P.M. titolare dell’indagine, dott.ssa Marialina
Contaldo, l’emissione di un decreto di perquisizione presso la citata struttura di accoglienza nel
corso della quale sono stati rinvenuti 350 gr. circa di sostanza stupefacente suddivisa in 14
involucri da circa 25 gr. cadauno.
Venivano quindi avviate delle attività tecniche che consentivano di tracciare l’organigramma del
gruppo criminale e di individuarne i canali di approvvigionamento.
2/2
Nel corso dei mesi di indagine, portata avanti dalla Stazione Carabinieri di Morbegno, sono stati
effettuati 5 arresti in flagranza, 5 deferimenti in s.l. e 25 segnalazioni ex art.75 DPR 309/90; un
centinaio le cessioni documentate, anche nei confronti di minori di anni 14, e qualche centinaio
quelle desunte dalle intercettazioni telefoniche effettuate anche nei confronti di soggetti
domiciliati in diverse parti d’Italia.
Circa 15 i richiedenti asilo impegnati nell’attività di spaccio locale, i restanti soggetti coinvolti si
occupavano dell’approvvigionamento di stupefacente, di organizzare i viaggi dei corrieri,
acquistando titoli di viaggio con carte di credito clonate, e di gestire i proventi.
Tra le particolarità è emerso che anche pusher locali italiani si rifornivano dagli spacciatori
nigeriani e che questi ultimi, sebbene nel Paese di origine appartenessero a diverse fazioni, sul
territorio italiano collaboravano nelle attività di spaccio.
Uno dei destinatari della misura è attualmente imputato in un procedimento penale per tentato
omicidio: è accusato di aver violentemente picchiato, in concorso con altri 10 connazionali, un
cittadino nigeriano.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…